Anello lavoro

Postato il

Anello lavoro.

Un altro anello che manca e che serve in ogni paese, anche piccolo.  

Da una parte ci sono persone che cercano dei professionisti. Una ditta cerca un  operaio specializzato, una persona cerca un professionista, oppure un muratore,  una badante, un dentista, un idraulico, un elettricista.

Dall’altra parte c’è tanta gente che sa fare, che può fare, che è pronto  a fare la propria professione, ma non trova chi glielo chiede, non c’è richiesta.

Tanti il computer non lo sanno usare e poi non sempre  i siti  sono sicuri,  spesso  gli annunci sono vecchi, scaduti, oppure dietro  si può nascondere un inganno, una truffa.

Ecco un nuovo lavoro.  L’Anello lavoro. Un team  di persone del posto,  ragazzi del posto,   persone sicure. Un gruppo piccolo di giovani che aprono  un ufficio,  un locale nel paese,  un posto concreto, sicuro, stabile a cui riferirsi. Un  posto dove si ritrovano quelli che cercano e quelli che sono cercati. Quelli che sono cercati, operai, qualificati, professionisti, specializzati, devono essere presentati in un albo specifico, con le caratteristiche, foto, colori. Anche questo può essere fatto con del blog specifici. Fondamentale in questo gruppo è  la presenza di informatici.

I professionisti è sempre meglio che siano del posto o dintorni, che siano conosciuti, sicuri,  affidabili, di qualità. Se esterni è sempre meglio fare ricerche, controlli, per dare la giusta sicurezza.

Anche qui il pagamento all’inizio è solo nell’iscrizione: € 10.  Il  pagamento effettivo al gruppo che ha trovato il lavoro, avviene  alla riscossione del primo stipendio, con una percentuale del primo stipendio, da parte di chi lo riceve. Il datore di lavoro non è onerato di spese, quindi ha interesse a cercare lì. Quello che riceve il lavoro e viene pagato è contento del suo stipendio, ed è giusto  che ricambi  e paghi  chi lo ha  aiutato.

Chi imposta i siti  e i  blog,  deve essere  molto bravo a impostare la vetrina dei lavori  con  foto, immagini, brevi descrizioni sintetiche.

Al centro di tutto  deve esserci  l’affidabilità,  la serietà, l’onestà, la trasparenza. Se tutto è fatto bene, premia. Il seme gettato nella terra buona, cresce e fruttifica di sicuro. Fare scelte giuste, leali, eroiche,  vince le paure, l’incertezza, la sfiducia,  la dipendenza.  E ci si ritrova non solo con un’attività ben avviata, redditizia, solida e che fa del bene,  ma ancor più ci si ritrova autonomi, liberi e solidi,  affermati ed identificati anche come persone.  Si  guadagna una identità  personale e un ruolo sociale.

 

 

Dr.ssa Maria Grazia Vallorani

 

 

© 2011 - Tutti i diritti riservati. Il presente testo è liberamente riproducibile per uso personale con l’obbligo di citarne la fonte ed il divieto di modificarlo, anche parzialmente, per qualsiasi motivo. E’ vietato utilizzare il testo per fini lucrativi. Per qualsiasi altro uso è necessaria l’espressa autorizzazione dell’autore. Pubblicato nel 20011, online da Gennaio 2013. Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.