Assistenza domiciliare

Postato il

k5600826

L’assistenza domiciliare.

Gruppo di  Coordinamento.   Associazione Onlus  no-profit convenzionata con il Comune e autorizzata dalla Regione. 2 medici   2 psicologi.

Organizza  tutta l’assistenza degli anziani, vigila, tutela. Gestisce tutto il personale che interviene a domicilio.  Forma le badanti,  le sceglie, le controlla,  le affianca ad Assistenti domiciliari.  Interviene nelle emergenze, in collaborazione con  ASL e  Comune. Garantisce  operatori sanitari  qualificati  a domicilio.  Medico, psicologo,  educatore,  infermieri professionali, assistenti domiciliari, badanti, assistente sociale, segreteria, trasporto.  ( Vedi Tabella . Clicca su: Rete Servizi anziani  )

 

Iniziative di assistenza specifica a domicilio:

  •  Nonno taxi.  
  • Si chiama il Nonno taxi e per pochissimi euro fissi, convenzionati, ti porta dove vuole. Nella casa dei nonni, a trovare il tuo amico, ad aiutare un altro anziano solo, in Chiesa, dal dottore, a fare la spesa. La convenzione può essere fatta con il Comune  o con la Asl, in considerazione del risparmio  che deriva da questa attività che è  una vera ed efficace  prevenzione delle patologie fisiche e psichiche dell’anziano  e dal risparmio per i  minori ricoveri, sia negli ospedali, che nelle case di riposo.   È molto delicato è importante scegliere l’autista. Deve essere una persona molto sicura e conosciuta perché i nonni devono essere tutelati.  Può essere un altro nonno giovanile o un parente giovane  di uno di loro. Deve essere scelto dai nonni tutti insieme a maggioranza. Deve esserci una convenzione con il Comune o le istituzioni per compensare il minimo. Meglio di tutto se si può fare con il volontariato in modo gratuito.

 

  •  Corriere nonno.  
  • Questo è  un servizio dove non si muove il nonno, ma è l’altro che va nei posti, come il corriere espresso. Porta un pacco, va a fare la spesa, va in farmacia, va dal medico, e la porta a domicilio dell’anziano. Questo servizio deve essere lo stesso convenzionato o fatto come volontariato per un prezzo minimo. Le persone e gli autisti  devono essere più che sicuri, o uno dei nonni  o figlio o un parente stretto conosciuto, più che fidato. Mai fidarsi di estranei che possono approfittare dei bisogni. Se non è conosciuto è meglio non fidarsi.

 

  • Scuola per  badanti
  • Scuola privata  convenzionata con la Regione, o riconosciuta a livello regionale o comunale.  Coordinata con  altre associazioni   o  con il Comune. Una Scuola per la Formazione delle Assistenti domiciliari o delle badanti  italiane e straniere. Insegnanti:  giovani laureati professionisti.  Materie Lingua italiana-  psicologia dell’anziano-  comportamenti relazionali ed educativi corretti-  materia sanitaria – cucina italiana e adatta per l’anziano –  pulizia della casa –  cura della casa –  organizzazione della casa –  lavare –  stirare – uso degli elettrodomestici –   gestione delle utenze – conoscenza del territorio.  Esame e Diploma. 

 

  • Badante sicura.    
  • Il Centro di  Coordinazione Tecnico  sceglie  le persone giuste.  Fa da filtro. da  una garanzia.  Fa da genitore, familiare, parente di un anziano fragile, malato. Il servizio  propone solo badanti formate.  Le controlla anche dopo.  Le segue,  ne valuta  i risultati e in particolare le verifica di persona, e a domicilio attraverso l’anziano assistito.  Tutela anche l’anziano da esperienze negative.  Interviene nelle emergenze, nelle necessità, con prestazioni ad ore, per periodi brevi, che compensano i permessi le giornate di libertà.  Aiuta nel momento tragico. Tutela anche da aggressioni fisiche, psichiche, economiche, legali.

 

  • Pronto badante.  
  • Aiuta a trovare una badante nelle emergenze. Per poche ore o brevi periodi. O per coprire le ferie.

 

  • Assistenza  programmata a domicilio ( ove non prevista dall’ ADI)  .
  • Pulizia. Medico. Infermiere. Trasporto.  Il Centro tecnico  procura medici  e infermieri, psicologi, e personale  sanitario: fisioterapisti, logopedisti, podologi, su richiesta e quando necessari. Per un’assistenza sanitaria domiciliare privata. Nei paesi dove non c’è l’ADI, nei paesi dove l’assistenza domiciliare pubblica non funziona bene o non è sufficiente.     Per prestazioni sanitarie a domicilio di qualità, affidabili, sicure, controllate e verificate da Centro.

 

  • Pronto assistenza privata.  
  • Pulizia. Medico. Infermiere. Trasporto. Assistenza del personale sanitario e di pulizia per le emergenze, su richiesta.

 

 

 

 

 

Dr.ssa Maria Grazia Vallorani

 

© 2011 - Tutti i diritti riservati. Il presente testo è liberamente riproducibile per uso personale con l’obbligo di citarne la fonte ed il divieto di modificarlo, anche parzialmente, per qualsiasi motivo. E’ vietato utilizzare il testo per fini lucrativi. Per qualsiasi altro uso è necessaria l’espressa autorizzazione dell’autore. Pubblicato nel 20011, online da Gennaio 2013. Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.


Insieme si può

Postato il

La condivisione

Propongo queste iniziative per pensare qualcosa  che risolva non solo il problema della salute fisica, della povertà fisica degli anziani,  ma risponda anche della povertà emotiva. L’angoscia per la malattia e la morte e in particolare la solitudine di fronte a quest’angoscia. Una solitudine concreta, morale e sociale. Trovarsi da soli nella malattia, trovarsi da soli nella angoscia è quello che li fa morire. Morire come persone, morire nella loro dignità. Morire nel cuore e nell’anima per l’indifferenza degli altri, per la freddezza degli altri. Per essere dimenticati dagli altri. Per essere considerati dagli altri finiti, inutili, ingombranti.

Propongo questi progetti per gli anziani non solo soli, ma anche poveri, con la sola pensione minima, scandalosa, degradante, squalificato. Pensione minima che degrada, squalifica chi l’ha pensata e chi la mantiene in vita.

Aiutarsi, condividere, non vergognarsi della povertà è quello che aiuta ad affrontarla e a superarla. Con il recupero della dignità e della fiducia in se stessi, con il recupero della propria umanità rispecchiata nell’altro, con il recupero della stima e del valore della propria vita, condiviso, sostenuto e ricordato a che ti sta vicino. Questo permette di  sentirsi vivi a livello fisico, ma anche a livello emotivo e spirituale.

Sono idee di condivisione che possono essere utili non solo per il mondo degli anziani, ma anche per le persone malate, per le persone che non ce la fanno da sole, i padri separati, le ragazze madri, le donne violentate. Possono essere luoghi dove ritrovare il cuore, ritrovare la propria anima. Sono posti dove si può fare volontariato. Dove i giovani possono scoprire il volto segreto della dignità, del coraggio, della solidarietà. Sono posti dove chi ha avuto tutto, può trovare l’unica cosa che gli manca, l’unica cosa che conta, il centro, l’essenza,  il vero tesoro, la voce del proprio cuore e della propria anima. 

 

 

Dr.ssa Maria Grazia Vallorani

 © 2011 - Tutti i diritti riservati. Il presente testo è liberamente riproducibile per uso personale con l’obbligo di citarne la fonte ed il divieto di modificarlo, anche parzialmente, per qualsiasi motivo. E’ vietato utilizzare il testo per fini lucrativi. Per qualsiasi altro uso è necessaria l’espressa autorizzazione dell’autore. Pubblicato nel 20011, online da Gennaio 2013. Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.

 


Il Condominio degli anziani

Postato il

Assistenza condominiale.

Condominio  per anziani  gestito da privati.

Sono stati inventati i condomini per anziani gestiti da privati. Edifici organizzati con miniappartamenti, tipo residence, con la cucina in ognuno. Può andare bene per chi è autonomo, per chi  non ha una famiglia che lo segue, e per chi cerca compagnia.

 

Svantaggi.

  • Costi molto alti. Il privato chiede 2600 al mese per ogni appartamento e per ogni anziano.
  • La precarietà dell’assistenza. Nel momento del pasto il personale non riesce ad arrivare a tutti.
  • Quando lo stato di salute peggiora, non è adeguata. Serve un’altra organizzazione.

Potrebbe invece funzionare  molto meglio se tutto il condominio  è gestito dal Centro di coordinamento tecnico, che può valutarlo come momento di passaggio, come posto dove andare per vivere con amici e coetanei, mantenendo la propria autonomia. Dove poter condividere interessi, arte, musica, pur pittura, cinema, cultura, e quindi vivere insieme, assistiti, ma anche vivificanti dai propri interessi comuni, stimolati dallo scambio reciproco, arricchiti nella mente, nel cuore e nell’anima.

 

Il condominio degli anziani   gestito da una Istituzione pubblica.  Comune, Associazione Comuni.

Quindi il condominio degli anziani potrebbe funzionare meglio se è:

  • promosso da una istituzione pubblica, che ne assicura la mancanza di speculazione privata, e quindi prezzi adeguati, e controllati.
  • gestito dal Centro di coordinamento tecnico che ne assicura lo statuto interno per le relazioni comuni e in particolare la qualità, la professionalità e la garanzia del personale di assistenza.
  • affiancato dal Centro tecnico anche per tutte le altre prestazioni artigianali o specialistiche
  • garantito quindi anche l’accesso ad un’altra struttura più adeguata quando c’è un aggravamento dello stato di salute.

 

Costi.    Se è diretto  dal Centro di coordinamento  tecnico:

 La retta minima per gli anziani autonomi che si pagherebbe  in un istituto di ricovero per anziani è € 1500 mensili  a persona.  Con questa cifra, si possono pagare tutte le spese e in più avere 

  • 8    badanti
  • 1   infermiera a tempo pieno
  • 1    portiere

_________________________________________________________________________________________

Esempio:  Ipotesi di una retta di  1.500 euro mensili  a singolo. (vedi Tabella n° 1: Il Condominio degli anziani)

Un edificio di 4 miniappartamenti a piano.  Tre piani  = 12 appartamenti.    Se in zona periferica  500 euro ad appartamento. Utenze: 200  mensili.  700 euro di spese ad appartamento x 12 = 8.400  euro.    +  1.000  euro mensili  di vitto per ogni appartamento = 12.000

Se consideriamo almeno due anziani per ogni appartamento ( una coppia o chi è solo, sceglie un amico proposto dal Centro di coordinamento tecnico),  abbiamo  12 x 2 = 24 anziani.   24 x 1.500 euro ciascuno =   36.000  euro.  

36.000  – 8.400 (affitto e utenze)  =  27.600      – 12.000  ( vitto) =  15.600    per pagare  il personale.

-           8   badanti a  1400 =  11.200

-           1 portiere  = 1500

-           1 infermiera   = 1600       

Totale personale = 14.300                      Resto di 15.600 – 14.300 1.300   per   altro

 _________________________________________________________________________________________

Esempio:  Ipotesi di una retta di  1.200 euro mensili  a singolo. (vedi Tabella.  Condominio  )

Un edificio di 4 miniappartamenti a piano.  Tre piani  = 12 appartamenti.    Se in zona periferica  500 euro ad appartamento. Utenze: 200  mensili.  700 euro di spese ad appartamento x 12 = 8.400  euro.    +  1.000  euro mensili  di vitto per ogni appartamento = 12.000

Se consideriamo almeno due anziani per ogni appartamento ( una coppia o chi è solo, sceglie un amico proposto dal Centro di coordinamento tecnico),  abbiamo  12 x 2 = 24 anziani.   24 x 1.200 euro ciascuno =   28.800  euro.  

28.800  – 8.400 (affitto e utenze)  =  20.400      – 12.000  ( vitto) =   8.400    per pagare  il personale.  Ci escono:

-           2   badanti a  1400 =    2.800

-           1 portiere  = 1500

-           1 infermiera   = 1600       

Totale personale =   5.900                      Resto di   8.400   –   5.900  =    2.500   per   altro

 ________________________________________________________________________________________

Potrebbe anche essere di € 1000 mensili a persona. e se riguarda gli anziani autonomi che si aiutano anche tra di loro (coppie, amici, conviventi).

Esempio:  Ipotesi di una retta di  1.000 euro mensili  a singolo.

Un edificio di 4 miniappartamenti a piano.  Tre piani  = 12 appartamenti.    Se in zona periferica  500 euro ad appartamento. Utenze: 200  mensili.  700 euro di spese ad appartamento x 12 = 8.400  euro.

Se consideriamo almeno due anziani per ogni appartamento ( chi è solo, sceglie un amico proposto dal Centro di coordinamento tecnico),  abbiamo  12 x 2 = 24 anziani.   24 x 1.000 euro ciascuno =  24.000 euro.

24.000 – 8.400 = 15.600       Per ogni appartamento 1.000 euro per il vitto = 12.000 

Rimangono  3.600 per il personale:

per pagare  il personale.

-           1  badante  = 1400

-           1 portiere  = 1400

-           1 infermiera   a prestazione =   800           Resto di 3.600  – 3.600 =  0

 

 

 

 

Dr.ssa Maria Grazia Vallorani

© 2011 - Tutti i diritti riservati. Il presente testo è liberamente riproducibile per uso personale con l’obbligo di citarne la fonte ed il divieto di modificarlo, anche parzialmente, per qualsiasi motivo. E’ vietato utilizzare il testo per fini lucrativi. Per qualsiasi altro uso è necessaria l’espressa autorizzazione dell’autore. Pubblicato nel 20011, online da Gennaio 2013. Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.


Appartamento singolo

Postato il

A casa propria.

La famiglia degli amici.

 

Ecco alcune proposte concrete che possono essere adatte per anziani autonomi che non possono stare da soli e che  sono costretti ad andare in casa di riposo per essere assistiti, in mancanza di una famiglia. Anziani che non sono ancora tanto gravi da rendere necessario il ricovero, ma che non hanno altre soluzioni.

In alternativa all’assistenza condominiale, ecco alcune soluzioni più semplici e più immediate, che non richiedono strutture specifiche. Soluzioni anche migliori nella qualità della vita, perché rispettano e partono dai bisogni degli anziani.

Si tratta quindi di lasciare l’anziano nella sua casa. Nel posto che gli dà sicurezza, dove ci sono i suoi affetti, il suo cuore, la sua anima. Nel posto dove ritrova se stesso, la sua identità.

Il centro di coordinazione tecnica, insieme a lui, studia la sua personalità e trova un abbinamento con un’altra persona. La scelgono insieme e diventa parte della sua famiglia. Un’altra persona che ha le stesse esigenze, le stesse difficoltà. Guardarsi insieme. Aiutarsi insieme. Sostenersi insieme. Controllarsi insieme. Insieme si può. Con l’aiuto del centro tecnico che vigila, verifica, interviene, su richiesta.

Perché mettersi insieme? Per evitare il ricovero, ma nello stesso tempo, non stare da soli, farsi aiutare e farsi assistere. Per trovare una nuova famiglia fatta di amici, in assenza della famiglia o in appoggio della famiglia. Per rimanere a casa propria, nel proprio ambiente, nel proprio paese. Per ridurre di molto anche la spesa dell’eventuale ricovero. Per vivere una vita dignitosa, vera, umana. Per vivere e non sopravvivere.

Ecco delle soluzioni adatte fino a quando permane lo stato di autonomia. Quando lo stato di salute si aggrava, il Centro tecnico  trova  altre strutture più adeguate.   ( Vedi tabella  in pdf   Tabella n° 3 Appartamento singolo )

 

Anziano e famiglia.

Anziano che ospita un singolo parente o una famiglia. Una famiglia che deve assolutamente far parte della sua parentela. Una famiglia di giovani che fa parte del suo contesto e quindi è sicura e conosciuta. È molto importante molto delicato non includere   famiglie estranee o sconosciute, che possono manipolare e usare l’anziano. L’anziano garantisce l’alloggio e il vitto alla famiglia  e in cambio la famiglia assicura l’assistenza. Oppure è l’anziano che si trasferisce presso la famiglia per essere assistito e in questo caso da € 1500 al mese  alla famiglia. A volte l’anziano non riesce a chiedere, non vuole pesare. Qui invece  è il Centro tecnico che si fa da tramite  e propone l’assistenza alla famiglia dei parenti anche lontani. Per una famiglia in tempo di crisi, una retta di 1 500  o di  1200 euro  come quella minima della casa di riposo, può veramente sostituire uno stipendio. Può dare la possibilità anche al giovane, di non andare a lavorare fuori, alla madre di poter stare in casa e aiutare oltre all’anziano, anche i propri figli. Questa soluzione è  ottima perché fa vivere l’anziano con persone giovani e con bambini che simboleggiano la vita. Bambini che sono in sintonia con la sua psiche, perché entrambi sono delicati, vulnerabili, sensibili e più vicini all’inconscio. In questo contesto l’anziano viene adottato. Invecchia sereno e felice e come un nonno.

Anziano e ragazze. 

L’anziano vive con ragazze universitarie o  che lavorano. Lui garantisce l’alloggio e vitto gratis per loro e loro garantiscono l’assistenza a turno. C’è il Centro tecnico che propone, valuta, coordina e controlla il tipo di persone. E che interviene su richiesta. Quindi nessun costo specifico  per tutti. Ci si aiuta insieme il minimo costo in più per il vitto, è compensato dal consistente risparmio per la retta della casa di riposo che era di € 1500 mensili minimo. Per le ragazze che studiano o che lavorano è molto conveniente perché permette una riduzione dei costi e nello stesso tempo la presenza di un materno che accoglie. È importante  comprendere bene che il ruolo  del Centro tecnico che non  funziona  solo da contenitore, da erogatore di servizi, da elenco di persone, ma funziona da garante, dal selezionatore, da formatore delle persone che accedono a questi servizi.

Due anziani.

L’anziano offre la sua casa  e  un altro anziano va a vivere con lui. Chi viene ospitato può farsi carico delle spese di vitto, visto che l’altro offre l’alloggio. Il Centro tecnico offre la possibilità di scegliere la persona più adatta, e di verificare  direttamente la convivenza in modo concreto. Senza badante. Ma se è necessaria,  si può anche aggiungere con una minima spesa di  800  euro ciascuno per pagarne una in comune.   800  x 2 =   1600 euro.  Una badante a casa loro, che si dedica solo a loro. Senza ricovero, senza corridoi vuoti, senza stanze comuni, frette, anonime, estranee. Una badante che è con loro, che  cucina come vogliono loro, insieme a loro. Una badante che si prende cura di loro e della casa ed è sempre presente anche di notte. Quando lo stato di salute peggiora, allora si cambia struttura. Intanto però si è vissuto in un contesto umano, familiare, affettivo e personale.

 

 Tre anziani. 

Un anziano ospita nella sua casa una coppia di anziani.  Il Centro tecnico opera una selezione e garantisce una scelta adatta. Chi da la casa non paga. La coppia che viene ospitata si fa carico del vitto anche del singolo. Senza badante. Se serve una badante si può pagare con € 500 a persona.  500 euro x 3 =  1500.

 

 Due anziani assistiti.

Un anziano ospita un altro anziano. Con badante. Entrambi gli anziani mettono in comune € 1500 che avrebbero dovuto dare alla casa di riposo.  1500  x 2 =  € 3000.  Ci pagano una badante a tempo pieno per tutti e due. Una persona che cucina, che li cura, che li segue. Una badante formata, scelta e controllata dal centro tecnico. E che è in contatto con loro. Costi: € 3000 -1004   =  € 1600 mensili per il vitto dell’assistenza infermieristica.

 

Tre anziani assistiti.

Un anziano ospita nella sua casa una coppia di anziani. Con badante. Mettono insieme € 1500 mensili che ognuno di loro avrebbe dovuto dare alla casa di riposo e hanno  1500 x 3 =  € 4500. Ci pagano due badanti a tempo pieno e rimangono  € 1700  mensili per il vitto alle prestazioni infermieristiche. (Vedi tabella  n°  3 Tabella n° 3 Appartamento singolo  )

 

 

 

 

 

Dr.ssa Maria Grazia Vallorani

© 2011 - Tutti i diritti riservati. Il presente testo è liberamente riproducibile per uso personale con l’obbligo di citarne la fonte ed il divieto di modificarlo, anche parzialmente, per qualsiasi motivo. E’ vietato utilizzare il testo per fini lucrativi. Per qualsiasi altro uso è necessaria l’espressa autorizzazione dell’autore. Pubblicato nel 20011, online da Gennaio 2013. Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.