Appartamento doppio

Postato il

Nuove residenze anziani.  

Appartamento doppio.

Si tratta di individuare due appartamenti vicini, sullo stesso pianerottolo di un condominio. Due appartamenti meglio se comunicanti, oppure sullo stesso livello. Uno può essere di proprietà di un anziano e l’altro si può prendere in affitto. C’è quindi un risparmio sulle spese.

Adatto per anziani autonomi.   L’anziano rimane in un contesto familiare, privato, personale. Gli appartamenti sono autonomi, quindi l’anziano può anche cucinare,  lavorare, studiare, leggere, ricevere gli amici, vedere i suoi programmi preferiti. C’è una badante  in ogni appartamento, quindi due badanti che si possono aiutare a vicenda quando serve, ma che possono anche compensare insieme le ore di assenza o di permesso. Due badanti o assistenti domiciliari  che si consultano insieme, si appoggiano anche a livello psicologico e relazionale.

Diventa quindi una famiglia allargata, dove ognuno ha la propria libertà, ma non è solo. L’appartamento in condominio poi, favorisce anche le relazioni con altre famiglie più giovani.  Si crea così un ambito personale, creativo, affettivo, vitale. Dove prevale la vita. La vita è presente dove è presente il cuore. Dove batte il cuore. Dove c’è giustizia, rispetto. Dove c’è rispetto per la propria unicità e la propria originalità.  ( vedi Tabella n° 4 in pdf   Tabella n° 4 Appartamento doppio)

 

 Anziani amici.

4  anziani (2 + 2) +2 badanti. Due appartamenti, due anziani in ognuno. Una badante per ogni appartamento, a tempo pieno. Le 2 badanti  assistono, curano, cucinano e puliscono. Ascoltano, vigilano, incoraggiano, sostengono. Non devono mettersi in un ruolo di materno e di  comando, ma devono mettersi in un atteggiamento di servizio. Devono dare all’anziano il ruolo di protagonista in tutte le cose. Di regista in tutte le cose. Devono farlo sentire capace di pensare, di fare, di decidere. Devono considerarlo capace, autonomo e libero di scegliere. Solo così l’anziano si sente vivo, solo così si sente  vero, solo così  si sente dignitoso e fiero di sé.

Esempio:  Costi mensili:  Entrate: 1.500  euro ad anziano (= minimo costo casa di riposo  50  euro x 30 g.)  x 4  6.000  euro     Uscite:   1.257 euro   per  1 badante, + 1.500 per l’assistente domiciliare  =   2.757    +   1.500  euro  per il vitto =   6000 euro –  Rimangono 1.743 euro.

Per affitto 2  appartamenti:  costo mensile : 1.000, + 400 euro di utenze = 1.400.   Resto  in attivo:  343  euro per assistenza infermieristica  e altro.

 

 Coppie amiche. 

8 anziani  =   4  coppie di anziani e 1  badante. Due appartamenti. In ogni appartamento due coppie di anziani. Bastano quindi due camere per due coppie in ogni appartamento. Le coppie garantiscono già di per sé un’assistenza reciproca. Quindi è meno importante meno necessaria la badante. Una sola badante serve a garantire la presenza per le necessità. Nello stesso tempo non invade troppo l’intimità e la privacy della relazione di coppia. Le due coppie possono fare amicizia, è più facile comprendersi quando si hanno le stesse difficoltà e le stesse esigenze. Ci si sente più in sintonia. Nello stesso tempo però non si è soli. Si possono condividere le difficoltà, le angosce, i timori. Insieme alle altre due coppie si può quindi fare un gruppo di  4 coppie amiche. Un gruppo di amici che si ritrovano, che discutono, che giocano, che possono organizzare insieme qualche iniziativa. Insieme si può. Si risparmia notevolmente in confronto alla retta del ricovero.

Esempio: Costi mensili:    800   euro ad anziano   x 8 =    6.400  euro   Uscite:   1.300  euro   per  1 badante   –  2.000  euro  per il vitto =   3100  euro.  

Affitto 2  appartamenti:  costo mensile : 1.000, + 400 euro di utenze = 1.400.   3100  – 1400 =  Resto   1.700  euro  per altre  spese. 

 

 Gruppi di amici.

8 anziani.  Due appartamenti. In ognuno  4  anziani amici tra di loro. Possono stare in due camere se vogliono. Così si aiutano e si controllano a vicenda.  4  in un appartamento   e  4  nell’altro vicino. In questo caso la cucina è unica. Così si può avere una camera in più.

 Adatto per anziani autonomi, che hanno bisogno di assistenza. Con un contributo simile alla retta delle case di riposo, si possono pagare gli affitti, le utenze, il vitto e un’assistenza valida.  2 assistenti domiciliari, 1 badante, e 1 infermiera. In pratica su otto persone, ci sono quattro operatori,  1  per ogni 2  anziani. La badante per la cucina e gli assistenti domiciliari e l’infermiera per tutte le necessità di cura e di terapia. Adatto per situazioni precarie, ma ancora nella sfera dell’autonomia. In pratica per situazioni in cui l’anziano ha ancora la capacità di comprendere, ha coscienza, responsabilità e autocontrollo in modo sufficiente. Non costituisce cioè pericolo per la propria vita e altrui e non necessita  di interventi sanitari riabilitativi  intensi e complessi.

 Esempio:  Costi mensili:  Entrate: 1.500  euro ad anziano (= minimo costo casa di riposo  50  euro x 30 g.)  x 8 =    12.000  euro    

 Uscite:   1.257 euro   per  1 badante  –   2  assistenti domiciliari  3.500  euro     1 infermiera   a tempo pieno  = 1900 euro   – 2.000  euro  per il vitto =    8.657   di spese.    12.000   euro –  8657  ( spese)  =  3.343  euro mensili.

Per affitto 2  appartamenti:  costo mensile : 1.000, + 400 euro di utenze  mensili =   1.400 mensili .   3.343  euro  -  1400  =   Resto:  1.943  euro mensili  per la fisioterapia,  per medici specialistici, per materiale sanitario, trasporto e altro.

 Se  i 2  appartamenti   sono di proprietà del Comune, il resto = 3.343 euro

Se   un appartamento  è di proprietà di uno degli anziani =  2.643  euro

Se   i due  appartamenti sono  di proprietà  degli anziani =  3.343  mensili  che rimangono per altre spese.  ( Vedi tabella n° 4   Tabella n° 4 Appartamento doppio)

 

 

 

 

 

Dr.ssa Maria Grazia Vallorani

 

© 2011 - Tutti i diritti riservati. Il presente testo è liberamente riproducibile per uso personale con l’obbligo di citarne la fonte ed il divieto di modificarlo, anche parzialmente, per qualsiasi motivo. E’ vietato utilizzare il testo per fini lucrativi. Per qualsiasi altro uso è necessaria l’espressa autorizzazione dell’autore. Pubblicato nel 20011, online da Gennaio 2013. Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.